Controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA): la guida di Chemicals Consulting

controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA)

La grande libertà dei mercati che si riscontra al giorno d’oggi, permette opportunità incredibili, che meno di un secolo fa risultavano inimmaginabili.

Questa facilità di comunicazione e circolazione ha sicuramente contribuito enormemente allo sviluppo di ricerca e tecnologia.

Ci sono infatti settori che più di altri fioriscono grazie a questa conseguenza ormai naturale della globalizzazione.

Tra i settori in questione c’è sicuramente quello della chimica.

Grazie alla facilità con cui possono essere spostate merci ed informazioni, non solo la ricerca ha potuto fare passi da gigante, ma ne ha risentito positivamente anche la qualità della vita dell’uomo.

Questa connessione comunque necessita ovviamente di restrizioni a salvaguardia della sicurezza comune.

Se in un’industria in cui si ha a che fare con sostanze altamente pericolose non ci fossero regolamenti molto serrati, ci sarebbero sicuramente molti più problemi di quanti non ce ne siano in realtà.

Basti pensare alla vendita negli altri stati: se qualcuno vuole vendere su un mercato estero, deve necessariamente essere conformato alle direttive di quell’ordinamento.

Un particolare esempio è sicuramente il Controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA).

Controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA) – in cosa consiste?

Se si vuole affrontare il mercato delle sostanze chimiche in America, bisogna necessariamente avere a che fare con il controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA).

Il  Toxic Substance Control Act (TSCA) è appunto la normativa che regola i prodotti chimici negli Stati Uniti D’America, e che conferisce all’EPA l’autorità di iniziativa normativa per le sostanze chimiche nuove ed esistenti.

Non si applica a determinati prodotti, ma nel complesso questa legge impone all’EPA di compilare, mantenere aggiornato e pubblicare un elenco, chiamato “Inventario TSCA” per ogni sostanza chimica trasformata o prodotta negli USA.

Le sostanze di importazione non fanno eccezione.

Regolamenta inoltre quali siano le sostanze ritenute “nuove” e “già esistenti”, e applica diverse restrizioni in caso di produzione o circolazione.

Insomma, chiunque voglia avere a che fare con il mercato delle sostanze chimiche negli Stati Uniti deve necessariamente dovrà necessariamente avere a che fare con questo controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA) e passare per l’autorità dell’EPA.

E’ sicuramente una normativa piuttosto ristretta e complicata, e per questo motivo, quando si ha a che fare con una difficoltà del genere, per la propria serenità è consigliato rivolgersi ai professionisti.

In questo caso un valido aiuto può giungere dalla Chemicals Consulting.

controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA)

Il sostegno dei professionisti di Chemicals Consulting

Quando ci si trova di fronte a difficoltà relative a regolamenti come il controllo di conformità dei prodotti venduti in USA (TSCA), gli esperti della Chemicals Consulting possono arrivare in vostro aiuto.

Questa divisione della Safe & Sound Srl  infatti, offre da più di 10 anni consulenze professionali per aziende e società, in ambito di procedure e gestione di normative di sicurezza e registrazioni vigenti, sia a livello nazionale che internazionale.

Fornirà una consulenza competente e approfondita, grazie anche ai numerosi servizi previsti e adatti alle esigenze di chiunque operi nel mondo delle sostanze e miscele chimiche.

Per parlare con i professionisti di Chemicals Consulting, basterà contattarli facilmente attraverso i recapiti che potrete trovare sul loro aggiornatissimo portale.

Per la sicurezza e serenità vostra e della vostra azienda, non potrete trovare quindi un alleato migliore.

Foto: ambientesicurezzaweb.it

“DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA”: la rassegna per la legalità

da sempre più di prima

 Non saranno più i giovani a cercare noi, ma saremo noi a cercare loro”: Antonio Chiaramonte produttore cinematografico della casa cinematografica CinemaSet.

Prenderà il via il 25 Gennaio 2020 nella Città di Catania la rassegna “DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA” Cinema – Letteratura – Legalità, dedicata appunto alle arti come mezzo di diffusione della legalità.

La manifestazione è organizzata da CinemaSet, in collaborazione con il noto legale antimafia Avvocato Enzo Guarnera, e con il valido aiuto nel territorio catanese della Fondazione “La Città Invisibile “, oltre alla collaborazione di tanti enti istituzionali.

“DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA” è nata con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi alla cultura dei valori civili, ai principi della democrazia e della solidarietà culturale, alla legalità e alla lotta all’omertà.

E’ un progetto nazionale in cui il cinema e la letteratura diventano strumenti di educazione alla legalità, e che per la prima volta coinvolgerà i maggiori personaggi delle istituzioni ed esponenti impegnati contro l’illegalità in Italia.

Nel corso della rassegna sarà inoltre presentato il romanzo scritto dall’autore Paolo De Chiara “Io Ho Denunciato”, scritto anche grazie al valido apporto dell’Avvocato Enzo Guarnera.

Verrà inoltre proposta la proiezione del film tratto dallo stesso romanzo, diretto dal regista Gabriel Cash, sceneggiato sempre dall’autore Paolo De Chiara e prodotto dalla casa cinematografica CinemaSet.

“DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA” – ne parla Antonio Chiaramonte

da sempre più di prima

Questa innovativa ed indispensabile rassegna culturale, che prende il nome di “DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA”, è organizzata dalla casa di produzione cinematografica CinemaSet, e proprio il presidente e produttore Antonio Chiaramonte si è espresso a riguardo.

“Il nostro obiettivo è quello di indirizzare gli studenti, i giovani e i cittadini a osservare il proprio comportamento quotidiano, quello della propria famiglia, e del quartiere, nell’ottica di assunzione di responsabilità e cittadinanza attiva.

Una rassegna che intende agire con i suoi servizi e progetti, come mezzo di contrasto per le principali cause di quel disagio sociale che sfocia nell’illegalità.

In quest’ottica intendiamo agire in rete comune, costruendo connessioni con tutti coloro che, a vario titolo, operano nel sociale o nel territorio e lavorano per il miglioramento della qualità di vita e per lo sviluppo della legalità.

Questa rassegna si propone di essere anche una presenza ed un luogo di incontro e confronto per tutti coloro che condividono l’attenzione e l’interesse di una vita migliore.

Nell’elenco degli invitati della rassegna “DA SEMPRE PIU’ DI PRIMA” , che si svolgerà a Catania, hanno già confermato la loro presenza tanti  procuratori, magistrati, prefetti, questori, comandanti delle varie forze dell’ordine dello Stato, provenienti dalle varie province siciliane, oltre a giornalisti, autori, produttori cinematografici e televisivi, attori, direttori di case editoriali e soprattutto tanta tanta gioventù.  Non saranno più i giovani a cercare noi, ma saremo noi a cercare loro “.

Speriamo che questa sia quindi solo la prima di tante manifestazioni che porteranno sensibilità all’argomento.

In un momento in cui spesso i valori civili vengono dimenticati e la criminalità organizzata dilaga, affidarsi alle arti  per portare un messaggio di legalità e consapevolezza civile sembra il percorso più indicato per combattere una battaglia difficile.

Sintomi tunnel carpale: come combattere la patologia

sintomi tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale è ormai una patologia molto diffusa al giorno d’oggi.

E’ spesso sintomo di una vita stressante e di abitudini sbagliate.

I ritmi serrati a cui siamo sottoposti, le posture sbagliate, i movimenti logoranti e ripetitivi che compiamo ogni giorno sicuramente hanno un prezzo.

E questo stress si ripercuote inevitabilmente sul nostro corpo.

Tra le varie conseguenze di questo genere di vita c’è appunto la patologia di cui stiamo parlando.

Riconoscere i sintomi del tunnel carpale è facile, anche se si manifesta con fastidi piuttosto comuni.

Infatti non è altro che uno stato doloroso progressivo causato dalla compressione di un nervo fondamentale del polso.

Inizialmente si manifesta come un intorpidimento ed un insistente formicolio della mano e del polso.

Se non trattato poi, inizia a provocare anche un dolore acuto e pungente che si diffonde verso il braccio ed una debolezza consistente, che causa difficoltà nel prendere gli oggetti.

Tuttavia esiste un metodo per attenuare e combattere queste spiacevoli manifestazioni.

Sintomi tunnel carpale – si combattono con Carpalello

Nella ricerca dei rimedi ai sintomi del tunnel carpale, al primo posto spunta sicuramente quello di rivolgersi ad uno specialista.

E’ infatti comprovato che terapie ed esercizi mirati siano la cura migliore.

Se però non si ha la possibilità di rivolgersi ad un terapeuta, o comunque si vuole facilitare il proprio percorso di guarigione, il tutore Carpalello è ciò che fa per voi.

E’ uno strumento molto avanzato, coperto da una domanda di brevetto in Italia del 22 Giugno 2017 e da una domanda di brevetto Internazionale depositata il 18 Giugno 2018, nonché marchio registrato pubblicato nel Bollettino dei marchi dell’Unione Europea il 20 Novembre 2018.

Ciò che lo rende unico è la sua straordinaria composizione: grazie alla struttura fatta di fasce e punti di pressione, esercita una leggera azione meccanica, che simula il lavoro fatto dal fisioterapista.

Si consiglia in particolar modo l’uso notturno, per aumentare notevolmente i benefici, ma può essere indossato in qualsiasi momento.

Non presenta infatti alcuna controindicazione.

In più è estraibile e lavabile, assolutamente non invasivo e costruito interamente in Italia.

Insomma è uno strumento di altissima qualità e dalla comprovata efficienza, che vi aiuterà ogni giorno ad avere a che fare con i fastidiosi sintomi del tunnel carpale.

Contrariamente agli altri tutori, Carpalello non si limita ad una compressione passiva, ma agisce attivamente sulla causa del dolore.

sintomi tunnel carpale

Come si può ottenere Carpalello

Per ottenere Carpalello e porre fine ai fastidiosi sintomi da tunnel carpale, basta semplicemente andare sul suo sito.

All’interno di www.carpalello.it troverete tutte le informazioni utili per acquistare il tutore online.

In alternativa potete rivolgervi ad Amazon: sul suo portale Carpalello sta riscuotendo un successo così grande da aver ottenuto il titolo di “Amazon choice“.

Per finire poi, sempre sul sito è possibile trovare la sezione in cui si può scoprire il rivenditore più vicino, per chi volesse acquistarlo da un negoziante ed entrarne in possesso immediatamente.

E’ possibile inoltre trovare tutti i recapiti necessari per poter esporre tutte le vostre domande e dissipare i vostri dubbi.

Dite quindi addio ai sintomi da tunnel carpale, e con Carpalello potrete finalmente ottenere tutti i benefici che avete sempre desiderato.

Fonte foto: carpalello.eu, fisioterapiarubiera.com

 

Federica Nargi: “Non usate con me la parola anoressia!”

Molti si sono accorti della magrezza eccessiva dell’ex velina di Striscia La Notizia, Federica Nargi. A quanto sembra però, si tratta semplicemente di perdita di peso dovuta a stress.

Lei si è difesa così: “Sono dimagrita perché sono una persona ansiosa. Scrivetemi pure che sono troppo secca, lo vedo da sola, ma non permettetevi di usare la parola anoressia. E’ una malattia grave! Non ho mai voluto cancellare commenti negativi sui miei profili, aldilà di quelli volgari. Accetto le critiche, servono per crescere e non ho mai avuto la presunzione di dover piacere a tutti. Quello che non accetto è la faciloneria con la quale al giudizio viene abbinata la malattia. Sono dimagrita perché sono una persona ansiosa e voglio sempre fare tutto da sola, ed è stato un periodo davvero intenso. Sono la prima che vorrebbe avere qualche chilo in più, ma per me è dura quanto per altri dimagrire…”

E poi: “Scrivetemi pure che sono troppo secca, lo vedo da sola, ma non permettetevi di usare la parola anoressia. Non è qualcosa su cui scherzare, non è un offesa o un giudizio. A me basta un periodo di riposo per riprendere i chili persi, non combatto quotidianamente contro un’ossessione. Le cose importanti sono altre: vivo dei sorrisi di mia figlia, dell’amore del mio compagno e gli abbracci della mia famiglia e dei miei cari.. e vi assicuro che per me sono meglio due chili in più che due in meno”.

Renzi: “L’Italia non può vivere nel passato!”

Uno degli obiettivi principali per il programma politico di Matteo Renzi si basa sulla ricerca. Stanco di sentire e vedere sempre i soliti principi a capo dello Stato italiano si è sfogato così:

“Un Paese come l’Italia non può vivere solo di passato. E chi ha bisogno di cura, ha bisogno anche di speranza. Ho un impegno per la campagna elettorale, che vorrei fosse fatto proprio anche dagli altri partiti. Quando eravamo al Governo abbiamo lanciato un progetto bellissimo nell’area dell’Expo: si chiama Human Technopole. Da qualche giorno i primi ricercatori hanno preso possesso dell’area.
Si tratta di uno spazio dedicato alla ricerca, all’innovazione, in tutti i vari settori delle scienze della vita: è voluto dal pubblico ma è aperto ai privati e investe sul capitale umano.
Noi abbiamo messo i soldi e l’idea, adesso bisogna andare avanti. Sarebbe bello che tutti i partiti annunciassero il loro impegno in questo progetto.
Vorrei che tra vent’anni Human Technopole, nato come prosecuzione dell’Expo, fosse un centro di rilevanza mondiale nel settore della ricerca in tutti i settori. L’Italia deve essere il Paese che tiene insieme questi valori. Anche quando economicamente magari non sembra utile, bisogna provarci perché secondo me è la cosa giusta”.

Sanremo 2018: il caso plagio di Ermal Meta e Fabrizio Moro

ermal meta e fabrizio moro

ermal meta e fabrizio moroAlla fine della prima serata al Festival di Sanremo giunto alla sua 68esima edizione, la canzone presentata in coppia da Ermal Meta e Fabrizio Moro dal titolo Non mi avete fatto niente sta facendo parlare molto in quanto pare essere uguale a quella di Ambra Calvani e Gabriele De Pascali dal titolo Silenzio. Tra gli autori della canzone di Meta-Moro c’è Andrea Febo lo stesso che avrebbe firmato Silenzio per gli altri due artisti.

Ciò che crea problemi a questo punto potrebbe essere la diffusione del brano che è stato presentato a suo tempo a Sanremo Giovani 2016. La canzone non è stata commercializzata ma il regolamento del Festival di Sanremo impone determinate specifiche che ci permettono di ritenere una canzone nuova. Quindi se Silenzio dovesse essere stata eseguita davanti a un pubblico regolarmente il brano di Ermal Meta e Fabrizio Moro dovrebbe essere automaticamente squalificato dalla gara. Speriamo che cià non debba avvenire.

Maschere Phostoshop: A cosa Servono e Dove Trovarle? 2 Soluzioni

maschere photoshop

Negli ultimi anni il mondo della fotografia si è sviluppato molto e è oggi possibile realizzare scatti fotografici di qualunque tipo e per qualunque occasioni. I fotografi professionisti possono sfruttare numerosi strumenti tecnici e programmi per migliorare la qualità delle loro foto. Uno dei programmi più noti per poter ottenere le foto dei propri sogni è sicuramente Photoshop.

Esso consiste fondamentalmente in un software proprietario sviluppato da Adobe Systems che nel tempo ha raggiunto migliaia di utenti e propone centinaia di diverse funzionalità utili per modificare e produrre foto di qualunque tipologia.

Maschere Photoshop

maschere photoshop

Grazie a photoshop fotografi professionisti ma anche amatoriali possono modificare foto aggiungendo effetti, cambiando le tonalità e aggiustando i contrasti per ottenere il risultato sperato. Molto note sono sicuramente le maschere photoshop, una funzionalità tipica di questo software che permette di aggiungere effetti e cornici specifiche per ottenere foto uniche nel loro genere.

Grazie alle maschere photoshop è possibile differenziare album fotografici a seconda dell’evento, realizzando perfetti servizi per matrimoni, cerimonie, addii al nubilato o semplici feste fra amici.

Qualunque sia la situazione o il contesto da fotografare, le maschere si rivelano uno strumento utile e necessario per sottolineare sensazioni, atmosfera e dettagli di qualunque tipo di foto.

Altro tipo utile di maschere photoshop è quello relativo ai livelli delle foto. Esse sono utili per nascondere alcuni utilizzi specifici dei livelli su una singola foto e possono essere inserite anche per combinare diverse foto in una sola oppure per eliminare, aggiungere e nascondere persone e oggetti da una foto di gruppo.

Esse sono piuttosto complicate da utilizzare con esperienza all’inizio, ma grazie a una breve pratica chiunque può riuscire a applicare una maschera in modo efficace senza dover acquistare pacchetti particolarmente costosi. Ovviamente molte maschere possono essere ottenute facilmente dal web tramite siti appositi, ma alcune, le più precise e interessanti, vanno solitamente acquistate presso negozi online qualificati.

Le Offerte di PhotoGraphicShop.

Uno dei siti migliori per incrementare al massimo le funzionalità di Photoshop è sicuramente PhotoGraphicShop. Esso consiste in un negozio online attivo da numerosi anni e che serve con successo tantissimi utenti e clienti che utilizzano il software fotografico sia per professione che per passione. Le maschere photoshop di questo sito sono moltissime e vengono aggiornate continuamente. Sono infatti adatte per qualunque occasione e vi sono varie opzioni per battesimi, matrimoni e altri eventi.

E’ possibile trovare anche molte maschere e strumenti gratuiti offerti periodicamente a tutti i clienti insieme a altri interessanti regali.

Oltre alle maschere vi sono anche numerosi interessanti effetti per le foto da utilizzare sia a livello strutturale che di decorazione. Grazie inoltre a un servizio di supporto clienti rapido e sempre attivo è possibile fare domande di qualunque tipo per ottenere assistenza rapida e immediata.

Vi sono inoltre utili pacchetti clienti per migliorare le proprie foto grazie a un piccolo investimento. Ultima funzionalità di PhotoGraphicShop, oltre alle maschere photoshop, è sicuramente quella del blog. Esso è continuamente aggiornato e permette di venire a sapere in tempo reale di tutte le novità interessanti nel mondo della fotografia e di photoshop.

Pippa e James: il matrimonio ‘quasi’ reale

Ad oggi potremmo dire che il matrimonio dell’anno è sicuramente quello tra Pippa Middleton (34 a settembre) e James Matthews(41), ben sei anni dopo il matrimonio di sua sorella Kate col principe William. James Matthews è un finanziere, nonchè uno degli uomini più ricchi del Regno Unito. La storia nata con Pippa ha avuto degli sviluppi molto veloci, nonostante i due di fossero già fidanzati nel 2012 per un paio di mesi  rimanendo amici.

Bellissimi i piccoli principini George e Charlotte, perfetti paggetto e damigella al matrimonio della zia. Anche se non è passato inosservato il momento in cui Kate ha sgridato i bambini, in particolare il suo piccolo George che non era nella posizione giusta. Il vestito della sposa, costato intorno ai 10 mila euro ha riscosso molti consensi, in fondo una bellezza come quella di Pippa e Kate non ha bisogno di niente altro per essere valorizzata.

Il ricevimento è avvenuto nella tenuta di famiglia di Bucklebury, acquistata da Michael Middletonun nel 2012. Una festa chiaramente sfarzosa, dal costo di 300 mila euro circa.

Paola Barale e l’uomo misterioso: per questo non tornerà con Raz Degan?

Ormai non si parla d’altro che della coppia Raz Degan-Paola Barale. I fan sperano tanto che i due ritornino insieme dopo l’intesa e il filing che abbiamo potuto vedere tra i due ri-incontratisi sull’Isola dei Famosi. Le parole di lui, una volta uscito dall’Isola, fanno intendere che è proprio questo quello che vuole. Le parole di lei invece lasciano qualche dubbio ma lasciano un appiglio. Da qualche giorno però ci si chiede se Paola Barale non abbia già una storia con un terzo incomodo, in quanto delle foto la ritraggono con un misterioso uomo a passeggiare per le strade di Milano, il tutto completato da abbracci affettuoi. Chi sarà mai quest’uomo misterioso, un amico o qualcosa di più?

Sui social Raz continua a dichiararle il suo amore dicendo:Mi tatuerei il tuo nome sul corpo. Voglio fare l’amore con te“, lei ha subito risposto “La magia dell’amore puro non ha confini“.

Alonso vuole entrare nella leggenda: parteciperà alla 500 miglia di Indianapolis

Il due volte campione del mondo di Formula 1 Fernando Alonso, in forze alla McLaren Honda, si metterà alla prova in una delle gare più affascinanti, antiche e leggendarie del motorsport: la 500 miglia di Indianapolis.

Sarà una trovata per rilanciare il marchio Honda? Sarà una richiesta del pilota spagnolo per cimentarsi in una nuova sfida, viste le poche emozioni che sta riuscendo a regalarsi con una McLaren così poco competitiva a causa della scarsa potenza della Power Unit Honda? Fatto sta che vedere un campione del mondo di Formula 1 in attività partecipare alla 500 miglia di Indianapolis fa davvero emozionare.

Sono anni che un pilota impegnato nel campionato del mondo di Formula 1 non partecipa alla famosissima gara, e ci riporta indietro nel tempo in cui piloti leggendari si sfidavano in questa gloriosa gara.

La 500 miglia di Indianapolis ha fatto parte addirittura del calendario del campionato del mondo di Formula 1 fino al 1960.

Facendo un salto indietro nel tempo, e citando campioni del mondo di Formula 1 che hanno partecipato alla gloriosa gara, ricordiamo la partecipazione nell’edizione 1961 di jack Brabbham senza successo. Nel 1965 il grande Jim Clark vinse a bordo della sua Lotus, nel 1966 fu la volta di Graham Hill e nel 1969 Mario Andretti.

Un’emozione per il pilota della McLaren, che salterà il Gran Premio di Monaco per correre in questo speciale appuntamento. Lui stesso ha dichiarato di desiderare la “tripla corona” ossia quel titolo simbolico dedicato ai piloti che hanno ottenuto vittorie nei tre circuiti leggendari del motorsport: Monaco,Indianapolis e Le Mans e proprio ad Alonso mancano le vittorie a Indy e Le Mans, dove non ha nascosto di volerci correre e vincere.